HTC Desire Eye: la recensione di HDblog.it

09 Novembre 2014 300

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

HTC Desire Eye è il nuovo modello di punta della gamma Desire, che negli ultimi anni, ha racchiuso i modelli di fascia media e bassa del produttore taiwanese, nonostante le sue 'nobili origini' (gli utenti di lunga data ricorderanno lo storico HTC Desire, alter ego del Nexus One). Desire Eye è un prodotto che si colloca a ridosso della gamma One, la linea premium di HTC il cui attuale top gamma è rappresentato da HTC One M8.

Tuttavia, è difficile considerare Desire Eye un semplice 'fratello minore' di One M8, visto che HTC chiama il potenziale acquirente ad effettuare una scelta di campo, fornendo un'alternativa i cui elementi di maggior differenziazione sono costituiti dal design, da un rinnovato comparto fotocamera, caratterizzato dalla prestante cam anteriore che si rivolge agli amanti dei selfie - e ad ulteriori chicche come l'impermeabilizzazione della scocca integrata - finalmente - in uno smartphone HTC rivolto al mercato europeo. HTC Desire Eye appare immediatamente come uno smartphone bello da vedere e ricco di funzionalità adatte a chi ama scattare e condividere le foto con i propri contatti. Scopriamo nella nostra recensione se e in che modo si pone come una convincente variante di HTC One M8.

Hardware, Materiali ed Ergonomia:

La piattaforma hardware di HTC Desire Eye è in parte condivisa con quella del top gamma HTC One M8, circostanza che dovrebbe rassicurare sul livello di performance garantito. Il SoC di base è l'ormai collaudato Snapdragon 801 con CPU quad-core da 2.3 GHz, GPU Adreno 330, 2 GB di memoria RAM e 16 GB di storage espandibili tramite slot microSD. Un hardware che abbiamo imparato a conoscere nel corso dei mesi con HTC One M8 e con tanti altri smartphone Android di fascia alta che resta indubbiamente attuale anche a fine 2014, soprattutto su un prodotto di fascia medio-alta come Desire Eye. Chiude il quadro un comparto connettività molto completo: modulo telefonico LTE, bluetooth 4.0 LE, NFC, Wi-Fi dual band, WiFi direct, Miracast e un GPS che ha esibito ottime prestazioni.

HTC Desire Eye si distingue dal top gamma di HTC per un nuovo design, caratterizzato dalla scocca in policarbonato che, nel modello di prova, esibisce una doppia colorazione: chiara nella parte frontale e blu scura nella backcover. Con HTC Desire Eye il produttore taiwanese torna agli elevati standard qualitativi a cui ci ha abituato in passato: ottima solidità della scocca, realizzata con un guscio unibody, altrettanto curate le finiture di un prodotto realizzato, da HTC con un magistrale processo di fusione delle plastiche. Non solo estetica e robustezza, ma anche una gradita impermeabilizzazione che permette di immergre lo smartphone ad un metro di profondità per mezz'ora. Le parti sensibili sono state opportunamente protette da sportellini impermeabili (ved. il doppio slot laterale per micro SIM e micro SD), ma HTC non ha appesantito l'estetica con coperture inserite nel perimetro dello smartphone, lasciando scoperti sia il jack delle cuffie, sia il connettore microSD. Nei test sull'impermeabilizzazione non è emerso alcun tipo di problema, un plauso ad HTC per essere riuscita a combinare funzionalità ed estetica.

Il frontale dello smartphone è dominato dal generoso gruppo ottico della fotocamera anteriore con doppio flash a LED e sensore da 13 megapixel. Un elemento che ha comportato una riprogettazione del doppio altoparlante Booomsound, presente, ma meno invasivo e posizionato sotto le due sottili fessure che si trovano tra il vetro del display e la scocca. Buon lavoro di riposizionamento degli elementi del frontale per far spazio alla cam nata per gli amanti dei selfie. Dal punto di vista di peso ed ergonomia, bisogna riconoscere che HTC Desire Eye non è propriamente semplice da gestire con una sola mano per via delle dimensioni complessive (151.7 x 73.8 x 8.5 mm). Al tempo stesso, l'ottimo grip della parte posteriore, realizzata con una finitura gommata, produce effetti positivi sugli aspetti ergonomici.

  • Dimensioni: 151.7 x 73.8 x 8.5 mm
  • Peso: 154 g
  • SoC: Qualcomm Snapdragon 801
  • Processore: 2.3 GHz, Numero di core: 4
  • Processore grafico: Qualcomm Adreno 330
  • Memoria RAM: 2 GB
  • Memoria interna: 16 GB
  • Schede di memoria: microSD sino a 128 GB,
  • Display: 5.2 pollici IPS, 1080 x 1920 pixel
  • Batteria: 2400 mAh
  • Sitema operativo: Android 4.4.4 KitKat con Sense 6.0
  • Fotocamera posteriore: 13 megapixel
  • Fotocamera anteriore: 13 megapixel
  • Scheda SIM: Nano-SIM
  • Wi-Fi: a, b, g, n, Wi-Fi Hotspot
  • USB: 2.0, Micro USB
  • Bluetooth: 4.0
  • Navigazione: GPS, A-GPS, GLONASS

Display:


Desire Eye fa crescere leggermente la diagonale del display di HTC One M8. Si passa da 5 a 5.2", ma la risoluzione dei display resta invariata. Lo schermo è un ottimo pannello FullHD IPS da 424 ppi, valore ottimale per garantire un'ottima fruibilità dei contenuti in ogni condizione. Naturali e ben riprodotti i colori, neri sempre profondi (per un pannello IPS), anche grazie al contributo del sensore di luminosità che ha dimostrato di funzionare in maniera affidabile. Nessun problema di leggibilità nemmeno in esterna. In sostanza, un display che si colloca nella migliore tradizione degli schermi degli smartphone HTC. Rileviamo, come nota a margine, che HTC ha scelto di riproporre i tasti virtuali a schermo integrati nell'interfaccia Sense 6.0, per certi versi maggiormente giustificati su tale modello: la cornice inferiore infatti è più ridotta rispetto a quella di One M8, grazie alla sopra citata revisione dell'altoparlante anteriore Boomsound.

Batteria, Audio e Ricezione:


La batteria di HTC Desire EYE ha una capacità di 2400 mAh e nei nostri test, che hanno previsto un uso intenso in uno scenario d'uso reale, (lo abbiamo utilizzato come nostro smartphone principale per alcuni giorni) ci ha consentito di raggiungere con qualche difficoltà la fine della giornata di utilizzo. A seconda dei giorni, lo smartphone si è spento tra le ore 18 e le 20, mai dopo cena.

Molto buono il giudizio del comparto telefonico, caratterizzato da una buona ricezione, un altrettanto convincente audio in chiamata e, durante l'ascolto in vivavoce, dall'importante contribuito offerto dal doppio altoparlante Boomsound. L'uscita audio viene valorizzata, come di consueto, da cuffie di qualità. Restano invariate le funzionalità telefoniche integrate nell'interfaccia utente Sense, a partire dalla ricerca 'smart' in rubrica, che permette di individuare rapidamente i contatti desiderati.

Software:


L'interfaccia utente Sense, associata ad Android 4.4.4 Kitkat, continua a rappresentare un sinonimo di personalizzazione e prestazioni al top in ogni condizione ed HTC si riconferma come il produttore di smartphone Android più abile nel personalizzare l'interfaccia software di Google, senza compromettere gli aspetti della fluidità e della piacevolezza di utilizzo. L'interfaccia utente del Desire Eye è quella che abbiamo imparato a conoscere e ad apprezzare con HTC One M8, completa di tutti i più recenti affinamenti.

Presenti le gestures 'Motion Launch' che permettono di eseguire numerose operazioni con lo smartphone in stand-by (dal doppio tap per riattivare lo smartphone, per arrivare all'avvio rapido delle funzioni vocali) e la possibilità di gestire tutte le funzioni della cover DotView (prevista anche in versione Desire Eye). Invariata la struttura della home, dei menu, del drawer, dell'aggregatore di contenuti Blinkfeed ed anche qualche piccolo aspetto migliorabile, come l'ottimizzazione di alcuni elementi dell'interfaccia per gli smartphone con i display più ampi (considerazioni in ogni caso marginali rispetto al valore complessivo della Sense).

Ottime prestazioni con l'utilizzo delle principali applicazioni, a partire dal browser nativo sempre pronto nel rendering delle pagine, nello scrolling, nell'interazione dei campi di testo e con un resize del testo immediato. Anche la tastiera riconferma gli aspetti emersi con le precedenti release di Sense: rapida, ulteriormente ottimizzabile per lasciare un po' più di spazio ai contenuti, ma molto comoda da utilizzare grazie all'ampia superfice di interazione con il touch. Anche il client di Facebook, che non brilla per reattività su piattaforma Android, dimostra di muoversi agilmente con Desire Eye (uno dei pochi Android che lo gestisce molto bene).

Invariato il client mail e conseguentemente invariati gli aspetti migliorabili (assenza di zoom out, necessità di scorrere i contenuti, scarsa ottimizzazione degli elementi della UI per lasciare maggior spazio al contenuto delle mail). L'arrivo della nuova versione di Gmail, con supporto alle mail in formato pop/imap, risulta indubbiamente gradita ponendosi come un'alternativa maggiormente ottimizzata rispetto al client mail nativo. In ambito gaming HTC Desire Eye ripropone le stesso valide prestazioni esibite dal top gamma One M8 e dai tanti smartphone Android che fanno uso dell'acceleratore grafico Adreno 330, ancora in grado di gestire senza particolari problemi anche i titoli più impegnativi.

Fotocamera e Multimedia:


Una delle core feature di HTC Desire Eye è rappresentata dal comparto fotocamera: due moduli formalmente gemelli posizionati sul frontale e nella parte posteriore del terminale. 13 megapixel con doppio flash a LED per entrambi. Chiara la volontà di parlare agli utenti che fanno largo uso di selfie e che hanno richiesto a gran voce un HTC di fascia medio-alta con una fotocamera prodiga di megapixel. Il grande valore aggiunto del comparto fotocamera del Desire Eye è rappresentato non soltanto dalle caratteristiche hardware, ma dall'esperienza del produttore taiwanese nel personalizzare la piattaforma software con funzioni in grado di valorizzare ogni componente.

L'interfaccia della fotocamera è stata ulteriormente modificata rispetto a quella che ha fatto il suo esordio con Sense 6.0 con ulteriori funzioni comprendenti nuove modalità di scatto: autoritratto con possibilità di applicare un filtro per la bellezza del volto in tempo reale (sarà sempre possibile valutare in maniera live l'impatto del filtro e modularne l'intensità), doppia registrazione per foto e video in modalità sincrona e asincrona, foto in sequenza per realizzare simpatici scatti da condividere con gli amici sfruttando diversi layout, panorama a 360 gradi, nuove funzioni per rendere più agevole l'acquisizione dei selfie. Decisamente utili, poi, le funzioni sfruttabili durante le videochiamate con Skype, grazie a nuove opzioni è possibile attivare il flash anteriore per migliorare l'illuminazione del volto, condividere lo schermo con l'interlocutore e sfruttare il tracking del viso che segue movimenti del volto. Per le funzioni complete, disponibili anche per One M8 con il recente aggiornamento software, vi rimandiamo al nostro precedente video focus.

Dal punto di vista della qualità delle foto rileviamo una differenza in termini qualitativi tra il sensore anteriore e quello posteriore, a vantaggio di quest'ultimo. Molto buone le macro e megapixel sufficienti per realizzare dei crop delle foto anche abbastanza spinti. Convincenti le foto in diurna, nella media quelle in notturna senza flash, mentre il doppio flash a LED produce dei buoni scatti quanto utilizzato. L'ottica mostra alcuni limiti quando si passa ad esaminare la nitidezza della scena non uniforme in tutto il frame: buona al centro, calante ai bordi.

Ultima nota per quanto riguarda l'ergonomia. La presenza del tasto fisico dedicato all'attivazione della fotocamera è decisamente gradito, trattandosi di un prodotto caratterizzato da un prestante modulo fotocamera. Nell'utilizzo pratico, tuttavia, lo abbiamo trovato molto uno po' scomodo da utilizzare. La resistenza posta dal tasto alla pressione è elevata, complice, probabilmente, l'impermeabilizzazione della scocca. In termini pratici, la necessità di premere con forza il tasto fa crescere il rischio di scatti mossi.

Buoni riscontri anche per quanto riguarda l'acquisizione dei video, sia in termini di qualità, sia per quanto riguarda la qualità dell'audio che può beneficiare del doppio microfono posizionato posteriormente che permette di applicare validi algoritmi di soppressione del rumore di fondo. Meno convincente la stabilizzazione della ripresa.

La buona potenza di calcolo non pone particolari problemi nella riproduzione dei video nei formati più diffusi (valgono le considerazioni espresse per One M8), mentre per quanto riguarda il doppio altoparlante anteriore Boomsound rileviamo un'immutata capacità di restituire una buona spazialità e stereofonia delle tracce sonore, anche se, in termini di volume massimo, il doppio speaker di One M8 si sembra offrire ancora qualcosa in più.

Conclusioni:

HTC Desire Eye arriva nel mercato italiano al prezzo ufficiale di 549 euro, che diventeranno presto 500 euro. Cifra interessante per un prodotto che colpisce subito per cura costruttiva, estetica e comparto fotocamera. Non si tratta di un terminale dedicato a chi ama device estremamente compatti - anche se la piacevolezza di utilizzo resta elevata grazie alla finitura gommata della scocca - ma è sicuramente consigliato a chi scatta di frequente selfie e a chi è in cerca di un device Android di fascia medio alta che poggia su solide basi hardware e software. Un plauso ad HTC per essere tornata a dare fondo alla sua notevole esperienza sia per quanto riguarda la produzione dell'hardware (costruzione magistrale), sia del software. Sense rappresenta una certezza nel panorama delle interfacce personalizzate per gli smartphone Android e le nuove funzioni fotografiche, utili e divertenti, costituiscono il complemento ideale per valorizzare la doppia cam da 13 megapixel di HTC Desire Eye.

Voto 8.4

Tra i più desiderati del 2018, superato solo da Mate 20 Pro? Huawei P20 Pro, in offerta oggi da Clicksmart a 444 euro oppure da Amazon a 505 euro.

300

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ciro Autiero

ciao ragazzi ho preso un htc eye, di un mio amico ma ho problemi di wifi,provato con 2 modem ,sembra collegarsi ma non si collega,soluzioni?grazie

Manuel

Da M7 che ho tenuto tutto il 2013 sono passato a M8, dopo di quello mi sono fatto 2 mesi di xiaomi mi4, 3 mesi di LG G3 e infine appena uscito ho preso il note4 (che ho tutt'ora)! Dico solo una cosa..la sense è la sense! la velocità, la fluidità e le varie caratteristiche degli htc sono proprio un'altro mondo!

Antonio Russo

Potranno fare il telefono di Dio...E non sarete mai contenti...forza HTC..la qualità è di casa..E per favore non parlate di Samsung accostandolo ad HTC..è una bestemmia..

Vito

perchè non hanno messo la fotocamera zoe ???

sapete se verrà implementata successivamente ?

Francesca Lacorte

Ciao non Si vedono le ore con schermo acceso ma arrivo a sera appena dopo cena con un utilizzo abbastanza intenso..Non ci arrivo se ci smanetto invece molto intensamente...

Fabio Ferrante

Puoi dirmi quante ore di schermo riesci a fare utilizzandolo in WiFi che in 3g?riesci ad arrivare a sera tranquillamente?

Pupi Gianluca La Manna

E' un bel telefono, vorrei sapere più in dettaglio la registrazione audio. Ho un Galaxy Nexus e quando registro video nei concerti l'audio fa pensa somprattutto per i suoni bassi come la batteria. Gli acuti li regge bene. Lo stesso problema l'ho riscontrato anche con il Nexus 5 di un mio amico. E' possibile che devo spendere 500€ e poi non posso fare un video con audio decente. Spero che questo telefono abbia un microfono buono. Aspetto risposte. Grazie.

Pupi Gianluca La Manna

Io ho intenzione di comprarlo, ma mi frena un po' la fotocamera anteriore. Cosa sai dirmi? C'è tutta questa differenza con quella posteriore? E poi la registrazione audio di suoni abbastanza alti com'è? Ai tempi comprai un Galaxy Nexus della Samsung e quando registro video nei concerti dove c'è la batteria l'audio fa pena.
Riguardo i tasti evidentemente sotto la scocca ci stanno circuiti e non messo i tasti fisici.

Francesca Lacorte

Ce l'ho da due giorni ,la batteria è tutt'altro che pietosa e non ho ancora ultimato i primi cicli di ricarica è ben ottimizzata.Provengo da note 4,Sony z3 ma ragazzi la sense è un altro mondo !la adoro !Anche io faccio l'appunto che in una grandezza simile avrei aumentato il display ..i tasti li avrei messi fisici dove c'é invece il logo HTC, più altra cornice bianca arrivo a un cm e mezzo inutilizzato.figata le fotocamere e le relative funzioni,infine si è dimostrato sempre reattivo e fluido per ora pienamente soddisfatta

Zero

fermacarte*

Zero

nello stesso posto in cui hai lasciato l' "h"

sono sotto la scocca, e l'uscita è nella fessura tra scocca e display

Drake

Come segare un telefono interessante con una batteria completamente inadeguata.

Gabriele

davvero, sono pessime.. nel complesso però è un ottimo terminale sembrerebbe

marco03vr

Scusate ma io non o capito dove sono gli altoparlanti.

Daniel

Uno smartphone bellissimo, sono indeciso se comprare il one m8 o questo.. potresti fare una recensione con il confronto dei 2 smarphone. Grazie

LORD_SUNSHINE

a me sembra una versione potenziata dell'desire 816.

Hitch_10

A me piace tantissimo... Se avessi avuto i soldi lo avrei preso sicuramente!!

marco

Le funzioni di skype sono veramente belle

Carl (2014)

No, non lo hanno tutti. E' una cosa diversa quello samsung: non è un widget ma praticamente l'intero player musicale. E quindi con uno swipe potevi selezionare la traccia, attivare e disattivare la musica etc... non un semplice widget che si attiva quando c'è la musica

squak9000

Carino e funzionale.... ma uno schermo così poco ottimizzato sulla superfice... mi fa passare qualsiasi fantasia.

Giovanni Morsello

dove posso scaricare i video della video-prova?

Tron Legacy

quella del "non è un top di gamma" è la scusa per far finta di non vedere gli ovvi difetti di questo telefono.
Quindi facciamo finta che non sia un top di gamma, perfavore

Alberto Di Marco Zaffarano

Foto migliori sia per gli autoscatti che nel punta e scatta, impermeabilità e stesso hardware di M8. Direi che è superiore.

Fabyo

Che battutona!! Vabbè d'altronde da chi ragiona così che ci si può aspettare!!

Fabyo

Widget col player musicale lo fanno tutti credo, ma solo quando spegni lo schermo col player musicale in funzione... questo ha senso, dei widget fissi sulla home no!! Ha giusto il senso di cambiare tipo di orologio magari, o mettere gli appuntamenti, ma tutto nella prima pagina della lockscreen... senso che comunque viene perso nel momento in cui devo espandere il widget, facendo pure una gesture in più, per vederlo tutto.

Fabyo

Ma infatti non era una lamentela al fatto che ci siano... semplicemente le trovo veramente stupide!!

Davide Barone

se non ti piacciono le togli :P io le trovo molto importanti ho modificato il kernel del mio m7 per averle ;)

Mattia B.

Bè come tutte le cose può piacere e può non piacere....il fatto è che la sense è stata la prima UI che ha fatto avvicinare se non superare IOS con un terminale android....nei commenti scrivono questo ecco.....fluida, veloce, senza mai impallamenti.... a differenza di altre Ui....anche se col note3 samsung ce 'ha fatta a fare una cosa decente!

Mattia B.

Aberrante ahahahahhaahah

marco

no io parlo senza ultrarisparmio....

urahara

ma per quel prezzo ormai ci si compra il one m8 e poi davvero orrenda quella fotocamera frontale, un telefono nosense

Simo

Beh ci mancherebbe

Gianpiero Imparato

Ciò che dici è vero, ma pensaci, se accendi l'ultrarisparmio energetico lo smartphone diventa un telefono normale e allora che senso ha la cam frontale per i megaselfie ? ;)

Nicola Pace

Esteticamente mi piace ma quella mega fotocamera avanti è davvero un pugno in un occhio...anche il prezzo sembra aggressivo..deve migliorare le cornici, anche se qui sembrano meglio ottimizzate...

marco

alcune sono utili tipo quella che spingi il telefono e fai swipe con il pollice e ti sblocca il telefono direttamente.... diciamo che mi viene naturale usarla dunque la trovo utile .... più utile del doppio tap

CarlitosWay Ranieri

Mamma mia quella sotto poi è INGUARDABILE per il resto...bel telefono!

marco

però htc insegna che con un ottimizzazione certosina un m8 dura quanto un note 3 ....2600 mh vs 3200 mh.

Gianpiero Imparato

Se ti riferisci al melafonino beh... Per me non é un telefono.... ;)

Demetrio Marrara

ci sono telefoni con batteria ancora più ridicola che fanno record di vendite ogni anno se è per questo :D

Demetrio Marrara

è una IMX214 e non mi sembra che sia inferiore alla 4ultrapixel. Magari cattura meno luce di notte, ma di giorno non c'è storia.

Simtopia23

ci sono anche i veri e propri lag, però già al day 1 la touchwiz samsung è proprio più lenta a caricare le apps rispetto ai competitors, cerca speedtest samsung s5 vs htc one m8 o ancora meglio un confronto un po' ironico s5 vs moto e e capirai di cosa sto parlando.

Alexei

Perfino la sense 3.x ha dei simil "widget" sulla lock screen, dunque dal 2011 ;)

Mattia Cavallo

Io ho inserito un account Yahoo e uno Outlook e ho dovuto immettere solo username e password, nient'altro.

Lorenzo Stefani

Si vede che il metallo costa

Lorenzo Stefani

Penso che google non rischierà mai di farsi gli affari suoi

Giorgio

Se non hai una salone da 50 mq a nulla :)

Gianpiero Imparato

Telefono con idee interessanti ma reso a dir poco inutile da una batteria ridicola oggigiorno

Kristian Raia Pace

A parte g3 e lumia tutto il resto è sulla stessa barca..ho un note 3 e ho avuto modo di confrontarlo con un k zoom e ti assicuro che non c'è storia..

asdlalla2

Visto che proprio il punto debole di questo HTC è la batteria (e visto che l'805 sembra avere ottimi consumi con schermi QHD) secondo me inserirlo era "logico" (se con un QHD e snap805 ottieni consumi ottimi si spera che con un full-hd si ottengano consumi ancora migliori)

Carl (2014)

I widget nella lockscreen sono utili se usati come fa Samsung fino alla 4.3 (ad esempio col widget del player musicale)

Recensione HTC u12 Life: non eccelle ma fa tutto bene

HTC U11 Life con Android One | Anteprima

HTC U11, la nostra recensione

HTC U11: la nuova "lucidità" del brand taiwanese | Anteprima Video