SunShine 3.1.22: il tool per l'S-OFF supporta ora Android 6.0 e HTC One A9

17 Novembre 2015 7

Il tool SunShine, utile per effettuare lo sblocco del bootloader e l'S-OFF con numerosi smartphone Android di HTC e Motorola, ha ricevuto nelle scorse ore il nuovo aggiornamento alla versione 3.1.22 che introduce il supporto ad Android 6.0, HTC One A9 e Desire 626s. Nei giorni scorsi lo sviluppatore che ha fornito utili indicazioni su come ottenere il root con HTC One A9 ha contestualmente condiviso in rete un video che mostra la possibilità di ottenere l'S-OFF con il nuovo HTC One A9, anticipando l'aggiornamento del tool Sunshine, puntualmente arrivato nelle scorse ore.

Non torneremo ad affrontare il tema dell'utilità del tool e dell'opportunità di utilizzare uno strumento a pagamento che consente di ottenere lo sblocco del device, trattandosi di argomenti ampiamente trattati in passato. Ricordiamo sinteticamente che il costo della licenza per il singolo device è pari a 25 dollari, che gli sviluppatori hanno sempre ribadito che si tratta di una cifra a loro giudizio congrua per compensare i costi legati al lavoro per ottenere l'S-OFF e che utilizzare un device S-OFF non è certamente indispensabile pur essendo appassionati di modding, anche se si tratta dell'ultimo step necessario a prendere il pieno controllo del device, visto che consente di intervenire anche sull'HBOOT.

Per ulteriori informazioni sul tool Sunshine riproponiamo il consueti link:

Il massimo rapporto qualità/prezzo? Motorola Moto G5, compralo al miglior prezzo da Amazon a 157 euro.

7

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
DKDIB

Ho un OnePlus One e ne sono soddisfatto... ma ho messo in lista OnePlus, solo per fiducia. ^^''
Fra regressioni hardware sui nuovi modelli e software tutt'altro che brillante, al momento la snobberei: si vedrà al prossimo giro.
Meglio invece Meizu: ho preso un modello di fascia bassa (100-150 €) con caratteristiche di tutto rispetto (5'', LTE, 2 GB RAM, 16 GB ROM), un assemblaggio ottimo ed un sistema operativo con personalizzazioni intelligenti, com'era nei vecchi Samsung (quelli usciti nell'intorno del Galaxy S2).

Tornando ad HTC...
Anche se 20 € possono essere accettabili, se considerati come parte integrante del costo dello smartphone (ma è solo un gioco psicologico: 20 € son sempre 20 €), resta il problema che gli smartphone HTC, non hanno caratteristiche tali da giustificare il loro prezzo (e nemmeno lo sbattimento per smanettarci sopra).

I Sony sono impermeabili e con un design interessante (per quanto sia un fattore soggettivo) ed i Samsung hanno un hardware sempre sopra la media (peccato per il software): cose che non a tutti interessano e che probabilmente non giustificano appieno, che i loro top di gamma costino il doppio rispetto ai cinesi.
Ma HTC cosa offre? La Sense? Anch'io ne andavo matto. Però correva l'anno 2010... ^^''

Windmark

Guarda che 20 €, in confronto al prezzo del telefono, non sono gran cosa per avere pieno accesso. Tra l'altro fino a poco tempo fa era gratis su molti HTC. Ma dipende sempre dall'uso che fai di un telefono. Non tutti hanno bisogno di mettere il SuperCid o roba del genere. Dei produttori cinesi passi Oneplus, ma gli altri....

DKDIB

Vabbeh... ma questo è un ragionamento da "Volpe vs Uva". ^^''

Fra l'altro si sta parlando di HTC: considerando il valore aggiunto che offrono, preferisco di gran lunga guardare i produttore cinesi più grandi (Lenovo, Meizu, Huawei, ZTE, OPPO/OnePlus, ...).

Windmark

Guarda che alla fine non sono molte le operazioni per cui è necessario l'S-OFF. HTC mette a disposizione gli strumenti per lo sblocco del bootloader, il che significa che si possono tranquillamente installare ROM cucinate ecc. senza dover spendere quei 25 $ per Sunshine che onestamente nemmeno io concepisco.

DKDIB

Ciò che volevo dire, è che un terminale col bootloader firmato (HTC) o con una partizione dedicata alle chiavi DRM (Sony) non lo comprerei *mai*, né lo farei mai comprare a chi si rivolge a me, chiedendomi consigli per i dispositivi mobili.
Piuttosto potrei indirizzarli verso prodotti Apple o Microsoft (per via delle sinergie che offrono coi desktop e/o per l'impostazione a prova di BK): chiaramente, in questi casi preciserei di poter offrire un "limitato supporto post-vendita".

Tanto per capirci, sono uno che i giochi non li prende né pirata, né da Steam: solo GOG[.]com (ho un hard disk da mezzo tera, riservato ai loro installer). Al massimo mi concedo qualche gioco Blizzard (di Diablo III ho entrambe le collector boxed)...

RobyMax1

...magari 2 righe in più per spiegare cosa è l'S-Off...

DKDIB

Per me la facilità di sbloccare il bootloader ed ottenere i privilegi di root, sono dei requisiti fondamentali per l'acquisto d'uno smartphone: tanto per me, quanto per amici e parenti (dato che poi lo faranno fare a me, se non glielo faccio io d'ufficio).

Le soluzioni che preferisco sono quelle a riga di comando: i tool li tengo sempre come estrema ratio, mentre quelli a pagamento non li concepisco proprio.
4 € al creatore di SuperSU li ho dati volentieri, ma 25 € per qualcosa che sono abituato a far da solo, sono fuori discussione. ^^''

HTC U11, la nostra recensione

HTC U11: la nuova "lucidità" del brand taiwanese | Anteprima Video

Recensione HTC U PLAY: bello fuori, meno dentro

HTC One X10 ufficiale: un medio gamma con stile e tanta batteria